La capitozzatura

La capitozzatura è una potatura drastica che asporta tutta la chioma di un albero, lasciando intatti unicamente il tronco e le branche principali. La pianta capitozzata sarà quindi completamente spoglia e presenterà ferite di grandi dimensioni in corrispondenza dei rami asportati di maggior diametro.

I danni causati dalla capitozzatura sono molteplici e gravi.

Prima di tutto, la pianta capitozzata è irrimediabilmente deturpata dal punto di vista estetico: per quanto ci si sforzi di ridarle equilibrio ed armonia, non si riuscirà mai a restituirle il portamento originario.

Poi, le ampie ferite causate costituiranno una via di accesso preferenziale per patogeni molto pericolosi quali i funghi che sono causa della carie del legno.

La pianta infatti non sarà in grado di richiudere tagli troppo estesi, permettendo così ai funghi cariogeni di penetrare all’interno del tronco e dei rami e di cominciare la loro inesorabile opera di disgregazione del legno.

Questo causerà nel tempo profonde cavità all’interno dell’albero, che ne pregiudicheranno seriamente la stabilità futura fino a portare alla necessità dell’abbattimento per motivi di sicurezza. La pianta che ha subìto una capitozzatura dovrà poi dar fondo a tutte le proprie riserve energetiche per richiudere i tagli e dar vita ad una grande quantità di nuovi rami e foglie, necessarie alla sua sopravvivenza.

Quindi, contrariamente alla vulgata propalata da personaggi incompetenti, alcuni dei quali purtroppo addetti ai lavori, la grande vivacità con cui un albero capitozzato dà vita a nuove foglie, non costituisce una prova dell’effetto rinvigorente della potatura drastica, bensì è il segno del disperato tentativo della pianta di ricostituire una superficie fogliare sufficiente a mantenerla in vita.

Una pianta capitozzata sarà quindi indebolita e maggiormente soggetta all’insorgenza di altre malattie fino a sprofondare in una inesorabile spirale di deperimento.

Infine, i numerosi rami emessi saranno in gran parte originati da gemme avventizie a cui la pianta ricorre in casi di estrema necessità. Saranno quindi rami innestati sulle branche in maniera molto superficiale e quindi, una volta accresciuti, costantemente a rischio di caduta.

È qui che va ricercata spesso la causa prima delle frequenti cadute di rami dagli alberi soprattutto delle nostre città. Quindi una pianta capitozzata sarà in pratica irrecuperabile dal punto di vista estetico, sarà indebolita e necessiterà per tutta la vita di interventi mirati ad evitare cadute di rami.

Per cui la capitozzatura, come accade spesso per pratiche che permettono di conseguire un risparmio immediato, risulta essere in realtà fonte di problemi, rischi e costi elevatissimi nel medio periodo, oltre ad essere la maggiore causa di depauperamento del nostro patrimonio vegetale.